your ads here

advertisement

Home » Novità » Cinque buoni motivi per passare ai Vini Naturali

Cinque buoni motivi per passare ai Vini Naturali

Se é la prima volta che senti parlare di vini “naturali”o ne hai sentito parlare da qualcuno ma non sai bene di che cosa si tratta. Ci sarebbe tanto da scrivere sui vini “naturali” ma non vogliamo entrare in inutili tecnicismi. Almeno non qui. Per chi li approccia per la prima volta la cosa forse piú importante da sapere é che, pur non esistendo ad oggi una definizione univoca, si tende a far rientrare in questa categoria i vini ottenuti senza l’utilizzo di alcuna sostanza di sintesi in vigna (no pesticidi, no fertilizzanti chimici, etc) e fermentati senza utilizzo di lieviti selezionati o additivi enologici in cantina (ad eccezione di ridotte quantitá di solfiti). In parole povere, la filosofia naturale punta a trasformare il succo d’uva in vino con il minimo intervento umano possibile, sia nella vigna, che nella cantina. Perché provare i vini “naturali”? Ecco 5 buoni motivi!

Salute Pesticidi, fitofarmaci e diserbanti tra le vigne. Acidi, albumina, lieviti secchi e additivi di molte altre tipologie in cantina. Questo, purtroppo, é ció che la legge consente nella produzione dei vini convenzionali. Fortunatamente non tutti ne abusano, ma se non avete un laboratorio chimico in cucina da utilizzare ogni volta che aprite una bottiglia é difficile sapere cosa si sta per bere. I vini naturali contengono esclusivamente piccole quantitá di anidride solforosa. Meno chimica, piú salute.

Terroir Il mondo del vino convenzionale é spesso guidato dal marketing, specialmente nelle cantine di grandi dimensioni. I consumatori sono abituati ad aspettarsi un prodotto che non cambi da stagione in stagione e ad aromi convenzionali per i loro vini. Tutto questo si puó ottenere tramite l’uso di lieviti selezionati in cantina. Questi lieviti consentono al mosto di fermentare e di trasformarsi in vino con caratteristiche ed aromi molto facilmente prevedibili. La vinificazione naturale prevede esclusivamente fermentazioni spontanee con i lieviti naturalmente presenti sugli acini ed in cantina. Ció consente al vino di esprimere i veri aromi del territorio in cui viene prodotto e del vitigno utilizzato.

Tradizione Produrre vini naturali é un pó come tornare alle origini, quando il vino veniva prodotto senza sofisticazioni, scorciatoie ed aiutini e senza il ricorso invasivo alla tecnologia ed a sostanze chimiche aggiunte. Inutile entrare nel dibattito tra tradizione e modernitá. Ma per gli amanti della tradizione e dei prodotti “fatti come si faceva una volta” i vini naturali sono una scelta ovvia.

 Rispetto per la natura L’agricoltura (e la viticoltura) intensiva sfruttano la natura nel nome della produttivitá. La domanda commerciale ha convertito a vigneto terre non vocate, imponendo forzature alla natura e l’impiego di chimica per ottenere risultati ad ogni costo. La filosofia naturale restituisce alla natura il suo ruolo originario: i prodotti tornano ad essere veramente il frutto della terra ed il ruolo dell’uomo si limita a garantire alla natura le condizioni migliori per operare in autonomia.  I vini buoni si ottengono solo da terre vive e vocate.

Digeribilitá Avete mai avuto una sensazione di pesantezza o un cerchio alla testa dopo aver bevuto uno o due bicchieri di vino? Beh, non c’é da sorprendersi vista la quantitá di sostanze che possono essere legalmente aggiunte nella fase di produzione del vino convenzionale. Provate a chiedere a chi beve vini naturali. Nessuna sostanza aggiunta, maggiore digeribilitá e niente cerchi alla testa. Chi inizia a bere vini naturali raramente torna indietro… Il vino si beve con la pancia…

Lungi dal denigrare tutto ció che non é naturale (e ricordando che ci sono tanti bravi produttori che lavorano con serietá anche tra quelli convenzionali), speriamo di avervi incuriosito a sufficienza per provare qualche vino “naturale”. Un’ultima osservazione, in totale trasparenza: la definizione di biologico é disciplinata dalla legge e le aziende vinicole possono essere certificate come biologiche da organizzazioni preposte allo scopo. Anche per le aziende biodinamiche esistono organizzazioni terze che forniscono servizi di controllo e certificazione. Al momento attuale il movimento dei vini naturali si basa su una forma di auto-certificazione. Recentemente VinNatur, l’associazione dei viticoltori naturali, ha approvato un proprio disciplinare del vino VinNatur. Questo é il primo passo di un lungo percorso che porterá a certificazioni indipendenti anche per questa tipologia di vino.

Detto questo, la veritá sta sempre nel bicchiere. Provate! Siamo certi che scoprirete un vino ed un mondo nuovi, che rivoluzioneranno il vostro modo di bere!

 

Condividi
Categories

Novità

Your comment

Your name:

Your email address: Your message: